Cristina Seymandi Figlia

Diffondi l'amore condividendo
Cristina Seymandi Figlia
Cristina Seymandi Figlia

Cristina Seymandi Figlia – Massimo Segre è un uomo d’affari, finanziere e banchiere, molto amico di Carlo De Benedetti. Lei è Cristina Seymandi, una donna sulla quarantina che ha lavorato sia con l’ex sindaco Appendino che con l’attuale candidato sindaco centrista Paolo Damilano. Stavano insieme dal 2020 e il matrimonio era stato rinviato due volte (grazie, Covid).

Alla fine, decidendo di sposarsi in autunno:

Hanno organizzato un sontuoso ricevimento di nozze in una delle ville più esclusive delle colline sopra Torino con una lista di 150 invitati. . Almeno non secondo i suoi piani. Bellissima nel suo vestito bianco attillato, Cristina si è sentita in imbarazzo a presentare il suo fidanzato ai suoi amici e alla sua famiglia quando ha rivelato il suo lungo numero di presunti amanti.

Più una sconfitta di fronte a Temptation Island che un’accoglienza riuscita a Torino. Ma chi sono i protagonisti di questa vicenda di pink romance? Cristina Seymandi, 47 anni, ha sempre avuto un vivo interesse per la politica e gli affari perché figlia di un importante uomo d’affari torinese.

Tanto che, come racconta il Corriere della Sera:

A un certo punto è parsa che potesse sostituire Chiara Appendino sulla poltrona di primo cittadino. Poi, però, nessuno ha fatto niente al riguardo. Dopo cinque anni in politica, decide di cimentarsi nell’impresa e diventa vice amministratore della Savio, azienda specializzata nella messa in sicurezza di accessori, con 153 dipendenti, e legata al suo (ora ex) fidanzato Massimo Segre, che era anche il presidente della Fondazione Ricerca Molinette e l’ha nominata segretario generale dell’ente.

Massimo Segre è un imprenditore e banchiere torinese di 64 anni. Franca Bruna Segre era sua madre, ed era la leggendaria socia in affari di Carlo De Benedetti, assistendolo in tutte le sue transazioni finanziarie più cruciali. Dirige il gruppo di ricerca di Crocetta e ricopre il ruolo di capo amministrativo di Directa Sim. è a capo sia della fondazione di ricerca da lui fondata sia della società che edita il quotidiano Domani.

La discussione sulla tradizione:

Dopo una serata apparentemente tranquilla di balli e ascolto di musica, la coppia è salita sul palco per scambiare gli auguri con il dj. Cristina ha iniziato ringraziando tutti coloro che l’hanno aiutata a organizzare la serata. La parola “matrimonio” è stata quindi afferrata. E la fine del mondo è arrivata.

Secondo il racconto che ha letto, Segre ha appena annunciato l’immediata cessazione della loro relazione (a partire da “questa sera”) dicendo “Vai dal tuo avvocato” al presunto amante. Riceverai da me il più grande dei doni.

Ti concedo il dono dell’indipendenza. Non fidanzati Dice:

Ho sempre creduto che amare qualcuno implichi desiderare il suo benessere più del proprio, e in questo caso voglio dare a Cristina la libertà di amare. In particolare, un altro noto avvocato». circostanza improbabile.

Mi sembra uno scherzo. Ma non è così. L’ex del potenziale coniuge è stato ingannato. Riformula altre tradizioni e stereotipi, come l’imprenditore pigro e l’avvocato pomposo. Mentre lei si gira per capire cosa sta succedendo , insiste l’uomo, “Non crediate che mi renda felice fare la figura del cornuto, davanti a tutti voi. Cristina è così desiderosa di condividere le sue verità che non potevo affidarle da sola la storia del motivo per cui oggi ho concluso la mia relazione con lei.

Puoi aggiungere che sono ancora in grado di lavorare insieme. Ne parleranno al termine di un viaggio che hanno fatto insieme. È possibile farlo con l’aiuto del tuo avvocato, suggerisce l’uomo. Le luci si spengono e c’è silenzio. Quando la porta è chiusa, la musica si interrompe bruscamente.

L’aggiornamento di Facebook:

Massimo aveva pianificato la sua vendetta fin dall’inizio. Almeno secondo l’ultimo post su Facebook, pubblicato il 31 luglio. Scrivendo sull’importanza di lasciare andare chi non è pronto per essere amato, l’autore ha coniato la frase “amare è anche lasciare andare”. Questa è la cosa più difficile che dovrai mai fare, ma è anche la più cruciale.

Più tempo speso cercando di farti amare da qualcuno che non è in grado di farlo è tempo sprecato e tempo che potrebbe essere speso sviluppando una connessione significativa con qualcun altro, un riferimento diretto alla sua amicizia con Cristina.

Per lui la solidarietà, per lei gli insulti social:

Gli utenti dei social media sono stati divisi tra l’invio di messaggi di sostegno a lui e insulti a lei in questo dramma in stile soap opera. Sotto il profilo di Segre scrivono: “Complimenti per il suo coraggioso discorso”.

Non ho avuto il piacere di conoscerla, ma vorrei dirle che è stata una grande. Un gran numero di donne concorda con questa valutazione, dicendo cose come “che valore”, “che integrità morale” e persino “seminami” con la voce di un azzurro solitario. Le persone sui social media sono molto meno favorevoli a Cristina.

Volano anche pesanti insulti come: “Non merita il Termine Donna, se non sei Brutta femmina, anzi MALAFEM L’ultimo show di addio di Massimo Segre e Cristina Seymandi: “Non ti sposo ma ti do la libertà”.

Massimo Segre e Cristina Seymandi hanno annunciato il loro fidanzamento. Una separazione legale con una via di mezzo, come è consuetudine nelle migliori tradizioni divorziste. Tuttavia, le parole del finanziere: “Sei libera di amare il tuo avvocato” sono da ricordare, e non solo per i motivi che saremo portati a considerare.

Anche se questa può sembrare una notizia di poco conto a chi non visita regolarmente la città più grande del Piemonte e le sue zone limitrofe, la vicenda di queste due figure di spicco nella fiorente Torino di oggi ha catturato l’attenzione di gran parte del Paese e sta influenzando Internet, sui giornali e soprattutto sulle piattaforme di social media come Twitter e Facebook.

Cristina Seymandi Figlia

Chi sono Cristina Seymour e Massimo Segre DiGabriele Guccione?

Consolidata torinese con l’amore per la politica e gli affari, ha 45 anni ed è figlia di un importante imprenditore locale. C’è stato un tempo in cui sembrava potesse sostituire Chiara Appendino come prima cittadina della città. Gli oppositori politici a Palazzo Civico si sarebbero insultati a vicenda, tra cui “Stai studiando da sindaco”.

Forse sperava che le linee guida del Movimento Cinque Stelle le permettessero di candidarsi. Poi, però, l’ala dura e pura dei grillini torinesi si è messa in mezzo, pressando l’attuale numero due di Giuseppe Conte a tenere a freno il suo intraprendente staff driver.

Fu così che Cristina Seymandi, 45 anni, figlia di un importante imprenditore torinese, ben inserita in città, appassionata di politica e di affari, voltò l’angolo e saltò sull’auto del candidato civico di sinistra che ha perso alle elezioni di due anni fa, Paolo Damilano, in rappresentanza del centrodestra.

Per giustificare la mossa, ha detto:

Non posso dire che i 5 Stelle non abbiano apprezzato il mio lavoro, ma non mi hanno chiesto di candidarmi”. Ma i voti dei consigli di quartiere che Appendino ha dato loro nella speranza di allargare il consenso grillino sotto la Mole non sono bastati per farli entrare in consiglio comunale; alla fine hanno ottenuto solo 318 preferenze nonostante i 35.000 voti che la lista dell’imprenditore di acque minerali ha ricevuto prima di essere sconfitta alle urne dallo sfidante di centrosinistra di Stefano Lo Russ.

Dopo aver lavorato per cinque anni al fianco dell’allora assistente sindaco Alberto Unia e successivamente sotto il sindaco Appendino di Torino, La Seymandi ha dovuto reinventarsi completamente.

In questo modo si è dimostrata un’abile imprenditrice venendo nominata amministratore delegato di Savio, azienda specializzata in accessori per serramenti con 153 dipendenti, in seguito alla scomparsa del suo (ora ex) fidanzato Massimo Segre. Segre era presidente della Fondazione Molinette per la Ricerca quando la nominò a questo incarico. In un’intervista al Corriere, ha spiegato di aver deciso di accettare l’offerta perché riteneva che la società avesse bisogno di essere salvata.

Seymandi inizia la sua carriera come project manager culturale dopo la laurea in lingue moderne e classiche alla Valsalice, la scuola salesiana sulle colline torinesi. La Giunta Appendino l’ha poi assunta per coordinare le associazioni di quartiere. Una posizione che ha suscitato molte critiche all’interno della stessa maggioranza M5S.

Le sue autentiche ambizioni e iniziative politiche sono state accolte con disprezzo fin dall’inizio. Così, alla fine, ha dovuto mettere da parte il suo sogno di diventare sindaco, e dopo aver stretto un patto elettorale con il centrosinistra, che, in caso di vittoria di Damilano, lo avrebbe portato sotto i riflettori, ha deciso di rivolgere la sua attenzione invece all’imprenditorialità, e ora si sta affermando come imprenditore di successo nella città politicamente ed economicamente cruciale di Torino.

Il Bollettino Quotidiano del Quotidiano di Torino:

Verrà consegnato direttamente nella tua casella di posta ogni giorno alle 7:00. Basta fare clic qui! Una coppia che ha iniziato a frequentarsi nel 2020 e alla fine si è sposata due volte a causa della pandemia di Coronavirus. La loro storia ha fatto notizia a livello nazionale dopo che Massimo Segre, imprenditore e finanziere vicino a Carlo De Benedetti, ha abbandonato la futura moglie a una festa in programma per annunciare il loro fidanzamento.

Cristina Seymandi è stata accusata di una serie di presunte tradizioni scoperte da Segre durante un discorso tenuto davanti a 150 invitati. Se fosse vero, l’unione tra i due paesi sarebbe stata annullata.

Cristina Seymandi Figlia
Cristina Seymandi Figlia
Sharing Is Caring:

Leave a Comment

error: Il contenuto è protetto !!